La mancanza di autostima blocca la mia vita

genitori2

Buona sera dottoressa,
da un paio di anni ormai avverto come la mia mancanza di autostima stia notevolmente influenzando la mia vita.


Ho perso la voglia di fare tutto, anche le cose più banali, non ne vedo la ragione. Mi sembra che tutto ciò che faccio sia inutile e ne va anche del mio studio. Frequento l’università ma non riesco a studiare, mi deconcentro in continuazione e di nuovo mi dico che è inutile proseguire, perché tanto non riuscirei ad arrivare al risultato che voglio.
Le gratifiche in realtà non mancano, ma non riesco a gioirne, a esserne soddisfatta e fiera di me. D’improvviso mi intristisco e inizio ad abbuffarmi di cibo.
Cosa posso fare per uscire da questa situazione?

Grazie in anticipo per la sua risposta.

Per fare la tua domanda manda una mail a girlpower@banzaimedia.it

Momenti di sconforto fanno parte della crescita di ognuno di noi. E’ giusto che ci siano poiché possono essere considerati un campanello d’allarme rispetto a ciò che vorremmo cambiare. Ogni trasformazione, infatti, implica necessariamente un lutto, un distacco da qualcosa che non ci appartiene più.
E’ proprio in questi frangenti che risulta utile pensare a cosa potrebbe renderci felici in modo tale da trovare lo stimolo e tirar fuori l’energia vitale che accompagna tutte le azioni. E perché non iniziare dall’amarsi di più? Questa è un’azione molto significativa e principale rispetto a tutto il resto. Quando si riusce a raggiungere un obiettivo ci si può premiare con un regalo, con una qualcosa che rende unici.
Se si ha difficoltà nella preparazione degli esami potrebbe essere utile studiare in compagnia o condividere le proprie perplessità con altri colleghi. Spesso è proprio il passaggio dalla scuola all’università a creare quest’impasse poiché cambia radicalmente la modalità dell’insegnamento e dello studio portando a volte lo studente ad isolarsi.

Cosa manca attualmente nella propria vita?
Bisogna marciare nella direzione del ‘costruire’ nonostante sia difficile e a volte ci si ferma.
Se questo risulta davvero ostacolato da una condizione interiore di stallo allora è bene rivolgersi ad un professionista che sia in grado di poter fornire uno strumento più adeguato per affrontare tale situazione.

I commenti sono chiusi.