Problemi di peso e scarsa sensibilità della mia famiglia

genitori2

Salve psicologa, volevo parlarle di un mio problema che va avanti da anni. Da quando ho 11 anni combatto con il cibo, riesco a seguire e poi mi perdo, ma a dicembre sono entrata in ‘cura’ con un dottore d’oro che è riuscito a farmi perdere 10kg senza restrizioni eccessive, come ero invece abituata.

Solo che nonostante tutto non riesco ad accettarmi. Per tenermi in forma devo fare sacrifici mentre mia mamma e mia sorella mangiano tantissimo e hanno dei fisici fantastici, so che è brutto da dire ma non riesco propio ad accettarlo. perche loro si e io no?? nonostante abbia perso peso, a 16 anni non ho la silhouette di mia mamma che ne ha 45 e mi sento uno schifo anche solo a pensarlo, ma mi fa innervosire e mi vengono crisi di pianto e ogni volta che ci penso divento nervosissima. l’altro giorno stavamo da mia nonna che dice: guarda un po’ questa (mia mamma) ha questo fisico meglio della figlia e io mi sono sentita uno schifo e le lacrime hanno cominciato a farsi sentire. come posso fare ad accettare che non ho un metabolismo veloce ed efficiente come il loro se mi viene ricordato ogni maledetto giorno ogni volta che ci sediamo a tavola?

Per fare la tua domanda manda una mail a girlpower@banzaimedia.it

In adolescenza è difficile capire quanto e come il fisico si trasformerà anche perché molti dei suoi cambiamenti sono legati a fattori ormonali e, dato che ognuno è diverso da tutti gli altri, è dissimile in tutto e per tutto dal resto del mondo.
Il confronto con una persona adulta è quindi inopportuno soprattutto per chi non ha ancora ben definito e strutturato la propria personalità. E lo è sia per quanto riguarda il ragazzo che l’adulto stesso. Molti adulti faticano ad accettare di invecchiare manifestando così la propria immaturità, mentre gli adolescenti si trovano ad affrontare difficoltà legate alla crescita sottovalutando se stessi e modificando il proprio stato d’animo dando maggiore importanza a ciò che gli altri possono pensare di loro. Il rapporto con i propri figli è comunque prioritario rispetto al resto ma sembra che per alcuni ‘adulti’ ciò sia difficile da comprendere.

Molte persone hanno tanto da offrire poiché sono sensibili e hanno un mondo interiore particolarmente ricco e profondo. Perché quindi soffermarsi sulla scarsa sensibilità degli altri e non concentrarsi su ciò che di bello esiste dentro ognuno di noi..?

Precedente I miei non vogliono che torni col mio ex Successivo Troppa competitività a scuola: cosa fare?